La Cascina dei Gobbi

La Cascina dei Gobbi è una favola con un messaggio ben preciso, rivolto a tutti, nessuno escluso, bisogna imparare a rispettare la Natura, per avere un futuro di prosperità e benessere, perché continuando a sfruttare ed a maltrattare l’ambiente questo si ritorcerà contro di noi.

E’ una favola attualissima, che si legge volentieri e che ha già riscontrato l’interesse e l’apprezzamento di tantissimi lettori.

Il libro è nato in collaborazione con la Comunità Operosa Alto Verbano, che ha inserito all’interno un interessantissimo decalogo di buone azioni per l’ambiente ed è edito dalla Casa Editrice Costruttori di Pace.

I disegni, molto belli, sono della bravissima artista emergente Marta Simonetta.

Molto utile per le scuole, per l’insegnamento dell’educazione civica riguardante la sostenibilità ambientale ed è adatto per i bambini ed i ragazzi di tutte le età per il linguaggio semplice ma allo stesso profondo che va dritto al cuore, facendo riflettere e dando speranza.

Il Giardino dei Sogni di Cremenaga

Una bella iniziativa di Domenico Rigazzi, Sindaco del comune di Cremenaga e di Luca Pandolfi ed Angela Facente dell’Associazione I Fazzoletti Bianchi, che hanno realizzato, con il contributo di tanti volontari ed artisti, uno spazio dedicato ai bimbi, sopratutto quelli meno fortunati, vittime di violenze, per combattere questa piaga sociale, per non abbassare mai la guardia.

Un piccolo spazio, ma importante e significativo, pieno di arte, colore e gioia, a Cremenaga, cittadina della provincia di Varese, vicino al confine svizzero.

Uno spazio nato con l’idea di combattere le brutture del mondo con la bellezza, con l’arte e con la gioia di vivere.

Sono felice di aver contribuito anch’io con la mia favola, Crisostomo, che fa parte del libro Tredici favole da Raccontare, con l’illustrazione del grande maestro Jacovitti.

Insieme al cartellone, posizionato all’ingresso del giardinetto, ci sono anche dei sassi dipinti, delle poesie trascritte su piastrelle decorate, tante piccole piante, tanto colore e sopratutto tanta attenzione e tanto amore per le cose belle della vita.

Un grazie a tutti.

Lucia Spezzano

14° Forum della Pace – Luino

Una piccola luce, accesa, per illuminare il cammino degli uomini, verso la via della Pace; con una festa, perché la pace è festa dei cuori e solidarietà tra le genti: questo, riassunto in una frase è il significato che si può dare al Forum della Pace di Luino, giunto alla 14° edizione, che si è svolto, con grande partecipazione, sabato 10 novembre 2018, presso la sede Acli di Germignaga.

pace

L’evento organizzato con caparbietà ed impegno da Maria Terranova dell’Associazione Costruttori di Pace di Luino, in collaborazione, tra gli altri, con la Casa Editrice Costruttori di Pace, GIM Terre di Lago, La Banca del Tempo Luino, PaxChristi Tradate e World Peace Prayer  Society, ha visto la premiazione dei vincitori del 14° Concorso Internazionale “Poesie, Racconti, Vignette e Disegni di Pace” e la presentazione del libro che raccoglie le migliori opere presentate. Il libro contribuisce alla raccolta fondi pro “Kit scolastici” per alunni senza risorse della Colombia e pro borse di studio per studenti artigiani in Uganda.

Ha fatto da splendida cornice all’evento la musica e le voci del bravissimo gruppo degli Acoustic Dreams di Luino, che ha interpretato in maniera coinvolgente, diverse canzoni, sia in italiano che in inglese, (Fabrizio De André, Bob Dylan, Crosby, Stills, Nash & Young, Fiorella Mannoia) 

La serata è poi proseguita con la conferenza sul rischio nucleare nel mondo, tenuta da Elio Pagani dell’associazione PaxChristi di Tradate, che con un’esposizione chiara e  documentata ha illustrato la situazione nazionale e mondiale degli armamenti nucleari evidenziando i rischi che ne conseguono per la sopravvivenza dell’intera umanità e sottolineando i pericoli di conflitti atomici, fortunatamente scampati grazie anche a decisioni di eroi sconosciuti.

Il pericolo nucleare è poco trattato, sia da parte dei mass-media che di gran parte della politica che preferisce focalizzare l’attenzione su altri problemi o pseudo tali.

Ha chiuso la serata la lettura dell’appello del sindaco di Hiroshima affinché mai più il mondo assista ad atrocità come quelle accadute con il bombardamento di Hiroshima e Nagasaki.

La serata è stata un interessante e coinvolgente evento, per prendere coscienza, per manifestare la volontà ed il desiderio di pace, per essere solidali: un piccolo tassello, con la consapevolezza che, nel mondo globalizzato di oggi, il futuro dell’umanità non può prescindere dalla pace tra i popoli.