Un po per ridere ….

Un po per ridere …. di Lucia Spezzano e El Quasimmato

un po per ridere retro500x566

LA CATENA DEGLI SCONTENTI

 Chi c’ha er pane nun c’ha i denti.
Chi c’ha i denti nun c’ha er pane.
Chi c’ha er pane e i denti, nun c’ha er salame.
Chi c’ha pane, denti e salame,
se strugge, che je manca la Lisetta.
Chi c’ha: i denti, er pane, er salame e pure la Lisetta
se duole de non averce la barchetta.
E chi già con tutte ‘ste cose c’eran già nato,
ma guarda che disdetta,
C’aveva poco buon senso, in compenso, e troppa fretta.
Mejo… farse abbastà quel che già c’hai,
cercando de tenerse er più possibile lontan dai guai.

Rime sciolte, rime secche, rime da rimmare di Lucia Spezzano e El Quasimmato

quasimmato copertina

La moralista

‘Na tartaruga nun se dava pace,
perchè nu je riusciva de grattasse bene
in fonno al carapace.
Già un’ artra vorta che c’avea provato,
pe ‘na manovra un po’ troppo azzardata,
s’era trovata col bel risultato…
de sta’ a rovescio pe’ n’intera giornata.
Perciò a ‘n lifante che s’annava a bere,
je chiede gentilmente: “Per piacere, non é che me potresti da’ ‘no struscio,

proprio in fonno ar guscio, appena sopra ‘l sedere?”
“’Na bella grattata, n’se nega mai, specie a quarcuno
che già sta’ nei guai.”
Risponne el lifante ch’era de bone maniere
e je inizia er massaggetto con piacere.
Er tempo de di’: “A che sollievo! A che piacere! A che delizia!
‘Sta bella grattata soda, quasi me fa veni’ un brivido de coda!”
E passa de lì ‘na razza moralista de zanzara,
che senza manco abbassa’ er tono de fanfara
je grida a tutto fiato: “A sozzi pomicioni, v’ho beccato!…”
E sempre con ‘sta stridula voce:
Stateve accorti immondi peccatori, che… che… mo’ ve metto in croce!…”
A senti’ ‘ste fregnacce tanto azzardate,
er lifante se convince subbito a concederje
un minnimo de du proboscidate.
Una: per poterla stampa’ a contrasto duro,
l’altra: per ottene’ ‘n ingrandimento a fonno scuro.
A parla’ male ed a sproposito de ‘na tartaruga,
se po’ rimedia’ magari quarche scusa…
Ma a tira’ accuse infondate a ‘n ilifante adurto,
é raro che te possa perdona’ l’insurto!…

 

Annunci