Riprendiamoci il nostro tempo

Il tempo cos’è?
Lo si vive in diversi modi: a volte vola, a volte scorre lento lento come l’andar di lumaca. Siamo noi, con i nostri stati d’animo, a fare la differenza.
Il tempo di per sé non esiste, siamo immersi in nuvole di eternità!
Prima l’umanità scandiva la propria vita alzando gli occhi al cielo, erano le stelle a guidare; Il grande orologio era il sole, padre amorevole che ci accarezza con i suoi raggi.
Sine Sole Sileo;
Le meridiane hanno scandito il tempo, l’alternarsi delle stagioni; ma l’uomo ha cercato riferimenti sempre più tecnologici in una corsa sfrenata alla scoperta di apparecchi più sofisticati! E’ questo il punto di non ritorno!
Vogliamo tutto e subito. Corriamo, corriamo, corriamo, inseguiamo ideali di poco valore, tralasciando la vera ricchezza del Creato: l’incanto di un’alba, di un tramonto, la bellezza dei fiori, la magia di un nuovo giorno a cui dovremmo dire grazie, il ronzio delle api, amiche che ci donano tanto senza nulla chiedere.
Ma noi siamo ingrati verso le api e gli altri esseri del Creato; maltrattiamo, uccidiamo con i nostri comportamenti insani e con i rifiuti che avvelenano la Terra e noi stessi.
A che serve correre così tanto? A che serve il tempo se lo si utilizza così male?
FERMIAMOCI! Rendiamo lo scandir delle lancette cosa utile; Apprezziamo, rispettiamo, amiamo, in primis noi stessi e poi tutto il Creato.
Se non ci si ama non si può donare amore.
AD MAIORA!